Dal barocco allo stile arabo, dai templi maestosi alle case bianche sul mare, in una cornice di  natura e spiagge, i luoghi di Montalbano sono scorci pittoreschi della Sicilia Orientale che vengono raccontati al meglio nella serie tratta dai libri di Andrea Camilleri. Da Scicli a Ragusa fino a Punta Secca, dal lungomare di Marinella al Castello di Donnafugata: preziosi gioielli di arte e passato ormai meta imperdibile di un tour nel cuore della Trinacria.

I nomi dei luoghi nella serie sono spesso di fantasia, ma le location assolutamente reali inserite nella città immaginaria di Vigata, che si riferirebbe a Porto Empedocle, dove l’autore è nato. E, ancora, Sciacca è Fiacca, Menfi è Merfi, Raffadali è Raccadali, Gela è Fela, Ragusa è Montelusa (l’area più battuta dalle riprese) e Donnalucata è Marina di Vigàta.

Punta secca

E’ il borgo marinaro e la casa del protagonista della storia.  Al suo interno si trova un faro, una chiesetta e la Torre Scalambri. In Piazza Italia spicca il commissariato che, in realtà, sarebbe la stanza del sindaco locale. Scicli colpisce con le sue linee barocche Patrimonio dell’ Unesco, che si notano in ogni angolo.

Noto

Questa meravigliosa città compare spesso non solo per le sue bellezze, ma per la presenza del carcere e per il trionfo del barocco.

La Mannàra e Sampieri

Da queste parti si giunge dopo Donnalucata. A est di Sampieri c’è lo scoglio del Pisciotto con la fornace Penna che è proprio la Mannàra. Nella fiction riguarda una tonnara ma non lo è affatto. Si tratta, invece, di una fornace che un tempo produceva tegole.

Trattoria da Calogero/La Rusticana

Durante le diverse puntate si notano sempre degli ottimi piatti di pesce con vista mare. Il locale esiste davvero ed il suo vero nome non è Trattoria Da Calogero ma La Rusticana si trova a Ragusa Ibla. Da non perdere la piazza principale con la scalinata che porta alla Cattedrale di San Giorgio e quella di Santa Maria delle Scale.

Circolo di conversazione di Ragusa

Palazzo in stile neoclassico che è il luogo dove Montalbano incontra il Dottor Pasquano, il medico legale che lavora per il commissariato di Vigata.

Il castello di Donnafugata

Nella dimora ottocentesca, Luca Zingaretti che veste appunto i panni del commissario, ha scelto di sposare Luisa Ranieri. In più, qui si sono svolti molti dei dialoghi tra Montalbano ed il boss mafioso Balduccio Sinagra. Il labirinto, invece, è stato scelto per parte della puntata “La gita a Tindari”.

Altri luoghi

Le riprese sono state ambientate anche in altre parti dell’isola come San vito Lo Capo (TP), Tindari (ME), Favignana e Siracusa, Modica, Comiso, Vittoria e Ispica.