Bronte è un comune della provincia di Catania famoso in tutto il mondo per la produzione di Pistacchio, l’oro verde.

La costruzione del suo insediamento risalirebbe a al lontanissimo VIII secolo a.C. ad opera dei Siculi, ben diversa dalla storia tramandata sotto forma di leggenda che narra che fu Bronte, il ciclope figlio di Nettuno a fondarla e a proclamarsi suo Re.

La cittadina di circa 20.000 abitanti si trova nella Valle del Simeto, su un pendio lavico a nord ovest del vulcano e che, nonostante questo, è stato sfruttato a livello agricolo nel migliore dei modi.  Questa esperta conoscenza deriva dagli antichissimi insegnamenti arabi, la cui cultura riuscì ad impiantare le piante di pistacchio  nonostante le difficoltà della pietra lavica. I termini “Frastuca”( il frutto) e “Frastucara” (la pianta) derivano da quelli arabi “fristach”, “frastuch” e “festuch”.

Monumenti

Tra i monumenti più famosi in assoluto c’è Castello Nelson, seguito dal Real Collegio Capizzi che oggi è sede della biblioteca borbonica  con l’archivio della storia patria. Al suo interno sono custodite preziose opere letterarie risalenti al Seicento e al Settecento

Il Castello di Nelson conosciuto anche come “Castello di Maniace”, venne costruito sulla trazzera che rappresentava un passaggio importantissimo in Sicilia. Fu sede di battaglie normanne, la via per raggiungere Palermo e la via d’accesso degli Arabi.